I lavori di ristrutturazione del Kyomizu-dera sono completati

kyomizu dera temple buddhist ceremony
@mainichijp

I lavori di ristrutturazione del tetto e del palcoscenico del famoso tempio Kiyomizu-dera di Kyoto sono stati ultimati dopo quattro anni

I lavori di ristrutturazione del tetto e del palcoscenico della sala principale del tempio Kiyomizu-dera, tesoro nazionale e riconosciuto come uno dei templi più belli di tutto il Giappone, sono stati completati dopo circa quattro anni di lavori.

Per celebrare la fine dei lavori e la riapertura del palco al pubblico, la mattina del 3 Dicembre si è tenuta una celebrazione buddista per riferire l’evento alla statua di Kannon Bodhisattva dalle undici teste edalle mille braccia, immagine principale del tempio Kyomizu-dera.

Video della cerimonia buddista tenutasi il 3 Dicembre 2020 nella Hall rinnovata del tempio Kyomizu-dera di Kyoto

E’ dal 2008 che il tempio è sottoposto a una revisione su larga scala, inclusa la semi-demolizione di nove dei suoi edifici, tra cui la Okuno-in Hall. I lavori presso la Hall sono iniziati nel gennaio 2017, ed il suo tetto, che misura 45 metri da est a ovest e 37 metri da nord a sud è stato cambiato per la prima volta in 50 anni. Il tetto di corteccia di cipresso giapponese hinoki dello spessore di 75 centimetri è stato sostituito con uno di 96 centimetri, in conformità con un documento del periodo medio Edo (1603-1868). Il palco ha ora 166 nuove assi del pavimento in cipresso hinoki e l’intero processo dovrebbe concludersi a marzo 2021.

kyomizu dera restoration
Il Kyomizu-dera con le impalcature dei lavori, anno 2016

Tornando alla cerimonia del 3 dicembre: dopo che Seihan Mori, l’abate capo del tempio, ha purificato il palco, un monaco ha recitato un sutra nella sala principale. Mori si è rivolto ai visitatori dicendo: “Sono profondamente commosso dal completamento delle grandi riparazioni. La sala principale è stata riportata alla sua forma nel periodo Kanei (1624-1644). Spero che i visitatori ammireranno il mondo della pura terra buddista attorno al palco.”

Adesso speriamo solo che il calo dell’epidemia ci consenta di visitare al più presto questo capolavoro di architettura restaurato 🙂



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *